Poesie

A donna Turidda

Comu na linea ca passa ‘no compiutiru e cancella
i cosi ca ci sunu scritti,
araccussi ra menti cancillari vulissi
tutti i pinsera tristi comu i
lamenta ri ma matri, quannu ri notti, ri iuornu e a tutti l’uri, abbiata na du liettu di duluri ,ittava vuci fuorti ca puru la genti ca passava ri fora la sintia.
Ora da puviredda si n’agghiutu e qualcunu si ferma pi sentiri la vuci,
ma ni da casa ormai nun ci sunu vuci picchi sulu arristau lu so riuordu e lu ma ciantu.
Orfanu sugnu ri li so carizzi e assai mi mancuno li paroli aruci,
ritti pianu , pianu, ca arrivavanu ’no
profunnu ro ma cori.
Se c’è na cosa ca mi fa stari calmu è u pinsieru ca da puviredda ri ma matri sa pigghiau ‘mbrazza u Signiruzzu e si la purtau na nu bellu puostu ciamatu Pararisu.


Al mare

Granelli di sabbia sospinti dal vento si sollevano, si accarezzano,si incontrano e si depositano, formano piccole dune che col contrasto delle ombre sembrano volti : narrano storie vissute.
Vedo increspata la sabbia come se qualcuno abbia scavato dei dossi: sono sculture che la natura crea e ci dona.
Cammino a piedi scalzi sulla sabbia modellata dal tempo e le orme segnano la strada percorsa da un uomo che passa
solingo.
Guardo le onde, sferzano l’azzurro mare mescolandosi con la schiuma: si infrangono sugli scogli taglienti.
Errabondo , senza potere parlare o confidare impressioni su quanto la vista mi concede vedere, con gli occhi bagnati di pianto, colgo: tristezza.
Distratto da queste visioni quasi non mi accorgo come il sole si tuffa nel mare: dipinge di rosso il cammino e si diffonde all’ infinito nel cielo.
Quel rosso infuocato mi attira e penso a tanti innocenti : tornano a casa in bare ricoperte con bandiere bagnate di sangue.
Ribelliamoci a questo modo di vita: vogliamo vedere albe splendenti e tramonti dorati creati per noi da madre natura.


A ma muggheri

Lu cantu
ri l’amuri è cosa
bella e
appassiunanti e
ciù lu sientu e ciù
mi n’annamuru.
Quannu pa prima
vota lu cantai a
ma nammurata, si
spalancau la
finestra ra so casa
e russa comu na
bedda rosa
sbocciata na lu
misi i maggiu,
mi fici nzinca ca
so manu e mi
mannau nu
vasunieddu . Iu
l’affirrai e no ma
cori subitu u
purtai e accussi
nasciu u sigillu ri
lu nuostru amuri.


Aspettando la sera

Emozione scorgo
nel tuo volto
mentre lacrime
bagnano i tuoi
occhi …
ricordi di felicità
trascorsa con chi ti
ha amato e ti ama ancora.
Asciugherò quel
volto con il respiro
caldo che sgorga
dal mio petto dove
nell’anima anche io
serbo i ricordi più
belli della vita.
All’alba il passero
cantava allegro
sull’albero di fico e
noi seduti
all’ombra
osservavamo, si
preparava ad
elargire amore alla
sua amata.
Passavano le ore e
aspettavamo il
desinare per
essere estasiati dal
tramonto, quando i
colori rossi
cedevano calura
all’imbrunire.
Ora la nostra vita si
fa
più greve e ti
capisco amore,
restano solo i
ricordi e
l’emozione.


Conforto

Cerco nello sguardo
di una persona
che amo il sorriso
che mi manca.
Scruto nei suoi
occhi c’è la
tristezza che ci
accomuna .
Stretti mano nella
mano
comunichiamo
conforto.


Desideri

Ho incontrato tre
donne stanotte nel
sonno, mi hanno
svelato desideri
nascosti. Perché
piangere dunque su
qualcosa che manca,
meglio chiedere forte
e a gran voce e la
notte dissiperà
nell’aria
gli attimi della tua
dolce follia.


Emozioni

EmozioneCosa è quella emozione che scorgo nei tuoi occhi mentre lacrime bagnano il tuo volto? Saggezza che riscontri nel volto di un bambino, sussurro che si annida negli sguardi di giovani amanti, gioia che ha visto realizzato il sogno dei desideri? Quando le mani trasmettono il contatto alla persona amata,l’emozione è tutto questo.


Il pianto del poeta

Perché piange un poeta?Domandatelo al vento
che soffia, sibila, ulula,
infila le fessure,
sbatte le porte e come
fantasma nella notte
crea incubi al poeta
mentre cerca la luce del
giorno che è andata.
Perchè piange un poeta?
Chiedetelo alle aurore
piene di luce, alle
fresche erbe che
crescono nei campi
dove nessuno ha
poggiato piede, al mare
burrascoso, ai gabbiani
che trasportano la sua fantasia.
Perché piange un poeta?
Chiedetelo alla solitudine
della sua anima che non
trova parole per esprimere
le bellezze del creato.


I rizzi

Iu m’arriuordu re tiempi,
quannu picciriddu,
assiemi e ma cuscini ni
facieumu u bagnu na
spiaggetta ciamata u scalu
trapanisi o u fierru ri
cavadu e Mazzareddi.
Quannu lu mari era sirenu
viriemu passari assai
luntanu navi e bastimenta
e traspurtaunu a ma
fantasia na terri mai
esplorati e ca virrriri
vulia. Mentri lu suli si
facia sempri ciù cucenti,
stirati na la rina che era
fina comu se fossi oru
macinatu, ni cuntaumu i
cosi passati e quannu u
stiddazzu propia nfucava
u cuorpu, di cursa
trasieumu na l’acqua ca
n’arrifriscava. Na stu
mari azzurru e ciaru
c’eranu tutti i cosi ca pò
aviri la natura . Mi piacia
natari e ripusarimi supra
na triscina e se nun stapia
attentu li spini di li rizzi
trapanaunu a ma carni,
tanti ci n’erunu . Che
pieri i tastiaumu e
inciennu i purmuna cu nu
bellu respiru, iucaumu a
cu ni pigghiava ciù assai.
Puoi riturnannu nterra cu
lu cuoppu cinu, i pirsuni
li vulievunu assaggiari
Siccome nenti avievumu
paiatu , l’amici
mittievunu u pani che
lumie e niatri i rizzi ca
avievumu piscatu.


Lotta per la vita

Scopri nel sonno
fantasmi che girano
cercando spiegazioni
al tuo vissuto,mentre
l’anima si sveglia
per scacciare
quell’incubo che ti
ha frastornato.
Scendi nella fucina
di Vulcano dove la
fuliggine ,il calore
della forgia e il
martello che picchia
sull’ incudine
modella il cervello
per sopportare sbalzi
di gioia e di
tristezza. Ora credi
ancora di riposare un
poco,aspettando
quel sonno che al
risveglio ti porterà
lontano, dove i
ricordi non ci sono e
sei persona umana
che è rinata.. Ti senti
forte e preparata
senza cercare rifugio
negli amici che
proprio quando ne
hai bisogno non li
trovi. Guardi negli
occhi e vedi lo
specchio di te stessa,
riflesso che illumina
il cammino di
speranza e mette
nelle tue azioni tanta
grinta , perché è così
chi non vuol
perdere e lotta per
la vita contro un
male oscuro che si
chiama Alzheimer.


Matri …chi matri

Matri …chi matriNun ti puozzu scurdari pirchì
tu fusti a prima fimmina ca
canusciu e stesi buonu n’do
to ventri pi tutti i novi misi.
Nenti mi mancava … mi vutava
e riggirava e quannu sintia a to
vuci tuttu mi priava e qualchi
vota pi farimi sentiri ca c’era
puru iu ti rava un cauci e ti facia
mali ma tu felici ca ti tuppuliava
arririeutu e m’accarizzavutu.
Matri …. chi matri !
Scusami tantu mammuzza bedda
lu sai quantu ti vuogghiu beni e
un puozzu cumpinsari chiddu ca tu
facisti pi mia.
Mi rasti a luci e sugnu ancora vivu,
e u picciriddu ristai pi tia.
Lu primu mo ciantu quannu nasciu
fu la to allegria e quannu mi misunu
supra ri tia subitu si finiu lu ciantu pirchì
sintia a to calura e tutta l’armonia.
Ti viru ancora assitata ‘nda segghia
mentri mi nachi e canti a ninna vo,
ciuru e rapu l’ucciddi , la to minna suco,
ca è latti buonu. senza conservanti
e m’addummisciu.
Puortu ri tia l’uocci brillanti e
lu sorrisu e quannu l’amici
m’accontrunu ‘nda strada mi
riciunu : si tuttu lu ritrattu ri
to matri.


Momenti d’ estate

Estate
Nell’ aere di una giornata
assolata di Agosto si
diffonde la luce.
Acceca, ravviva , illumina
l’anima e dona calore
alla mia amata.
Momenti
Tu sei uno cioccolatino
che si scioglie nelle mia
bocca e tra le mie braccia.


Mondo reale

Tu lo sai nel mondo
esistono scoiattoli con
sacchi di peluche
fatti a bambole.
Sorridono , poi
piangono e ti
distraggono un poco
con smorfie vellutate
di un vissuto strano,
stranezze di altri
mondi. Nelle loro
storie c’è molta
fantasia, come di
ricordi di fate
rinchiuse in castelli
incantati dove forzare
la porta dell’uscio è
trovarsi al cospetto di
draghi che con occhi
infuocati ti rimandano
nel tuo sito ideale che
è il mondo dove esiste
tristezza,
invidia,guerra e
quanto altro abbia
sconvolto le menti
dell’uomo.


Notte viva

Stelle che nel chiarore del
mattino ancora
brillate,raccontatemi come
di notte si muove la
natura.
Indicate la via a chi tanto
la cerca come faro che
illumina i cuori di amanti.
Siamo le
stelle,conosciamo i
percorsi dei ladri che nella
notte depredano case
deserte.
Osserviamo come il
cuculo ha alzato la testa e
guarda annoiato la luce
ostacolo ad aggredire le
prede.
Presiediamo raduni di
streghe che con occhi
sgranati ed ampi mantelli
preparano strani filtri per
intrappolare sogni
profondi.
Sorvegliamo il volare
leggero delle zanzare che
sfiorano la pelle e
succhiano il sangue che li
deve nutrire.
Grazie, stelle cadenti, che
nell’arcano mistero
custodite per tutti visioni
incantate.
Sono attimi che a poco a
poco consumano vita in
questo scenario dove
stanotte mi sono tuffato.
Come è strano il mondo in
cui vivo, la notte stellata è
più solare del giorno.


Ricordi

Ricordi

Il tempo che
scandisce
inesorabilmente i
momenti della vita,
segna nell’anima i
ricordi del passato.

Gioie, dolori, ansie,
storie del vissuto,
rincorrono il sogno di
felicità ormai ospite.
Voli di gabbiani
annebbiano la vista
di ricordi ed esuli,
dal vento
trasportati , si
tuffano i pensieri
nella mente.


Rinascere

Quando scende la sera e
comici a fare
l’inventario della
giornata, ti scopri
quanto piccolo sei
paragonato al creato.
Ecco
il tempo è passato e
quante cose si son fatte
giuste o sbagliate, ora il
silenzio ti fa meditare
quale sono le cose che
avresti scartato e quale
altre avresti rifatto, ma
ti accorgi che sei un
povero uomo che fa
sempre i soliti errori,
perché cambiare lo stile
di vita diventa sempre
un problema e le cose
che hai fatto ti
sembrano belle e le
accetti cosi come sono.
Poi quando un giorno
scende la sera davvero
e la tua mente si trova a
parlare a te stesso e
non trovi la strada che
porta ad una meta,.
cerchi qualche rifugio
pensando agli amici,
che sono tanti quando
stai bene, ma se la sorte
un pò ti abbandona li
vedi sparire come la
luce di un lampo. E
allora resti più solo,
solo, solo e cerchi
ancora un amico, volgi
i tuoi occhi in alto e
scorgi che c’è Cristo
crocifisso, lo guardi e ti
sembra che voglia
parlarti, ti da forza , ti
tende la mano, ti mostra
la via e così si ravviva
la fede che illumina
ormai i tuoi passi,
scacci le cose più tristi
e accogli tutto
pensando al Signore
che è venuto nella terra
per farci del bene e
caricato dei nostri
peccati li ha portato
nella croce per poi
risorgere e darci la
vita.


Risveglio

Canti di uccelli spezzano
il silenzio con melodie che
sono richiami amorosi per
compagne lontane.
Vedi nell’aria riflessi
incostanti è la natura che
si sveglia con il suo
arcobaleno di colori,
portano gioia all’incerto
cammino dell’uomo. Ora
il sole si alza più alto nel
cielo e il suo immenso
splendore illumina tutte le
cose e annida calore negli
anfratti più freddi. Anche
il mio cuore viene toccato
da un raggio e avverte un
sussulto, sente crescente il
bisogno della compagna
che con gioia ricambia le
mie tenerezze e prova
piacere a trovare il suo
amore.


Silenzi e vita

Vedo bottiglie
vuote poggiate sul
tavolo e accanto
piatti, cucchiai,
forchette, tutto nel
silenzio immobile
sono gli oggetti,
come la mia mente
che racchiude
ricordi che si sono
cristallizzati.
Vivo taciturno
questi momenti e
aspetto lo squillo di
un campanello
segno che la vita si
è svegliata e cerca
aiuto per
ricominciare un
altro giorno.


U pisci friscu

Lu pisci ca ci piaci e fimmineddi e ri lu mari piscatu la matina. Lu so sapuri li rinfrisca tutti e appena ca lu provunu ci fannu nautru assaggiu.Puoi quannu ci pigghiunu l’abitudini ri mangiarasillu tutti li matini ci sapi insipitu e a voti lu rifiutunu, picchi si sientunu sazi.Un cunsigghiu vuogghiu rari e fimmineddi. Macari ca siti tutti sazi, mangiatavillu sempri u pisci friscu.


U puzzu

Cu s’arriorda ro puzzu
ca era vicinu a piazza e
Mazzareddi. Quannu
erumu picciriddi,
vinuti ri lu mari, tutti
cini ri rina, prima ri
turnari a casa , sutta a
funtana ro puzzu ni
mittieumu, mentri
n’amicu calannu e
accianannu,quasi pi
iucari, l’asta ri la
pompa facia arrivari
l’acqua ca
t’arrifriscava Viriuetu
ca tanti pirsuni
asppitavunu u so turnu
e allura vuci, e sciarri
picchì qualcunu
vuliava fari u spertu
passannu prima Puoi
certi voti vinia
l’acqualuoru e avia a
precedenza supra a
chiddi ca già
aspiitavunu . Iddu si
incia tanti caputi di
acqua pi purtarla na li
casi a
paiamientu. .Qualcunu
certi voti ci ricia ma
picchì va ma dari
precedenza, faciti u
turnu puru vui, e iddu
piano, pianu
arrispunnia accussì: a
ta sapiri ca la
precedenza tocca a
mia,pirchì mentri pi
viatri è nu
divirtimientu a
scialaquarisi na
l’acqua, pi mia vo diri
tirari lu carrettu e
varagnari qualchi
sordu pi sfurnari la
iurnata


Violenza

Vedo negli occhi dei
bambini riflessi che
pongono interrogativi di una
vita vissuta in modo non
conforme a quelli che sono i
diritti dell’infanzia.


Visioni

Fantasmi bianchi
incrociano i miei
occhi,
mentre notti
insonni
rincorrono prati
verdi, ormai
contaminati.
Suoni di musiche
frustranti
spengono
il delirio
dell’amore.
Corse incostanti
nell’incedere del
tempo………
desideri nella
palude in cui si è
incastonata la
mia mente.
Una rana sul mio
dorso ha trovato
spazio e canta la
serenata al
chiarore di una
luna pallida che
si confonde con
la pelle fetida
nell’acqua
stagnante dei
ricordi.
Traduci »