Poesie 2011

A mia moglie Adele

Ricordi preziosi sono i tuoi baci di fuoco
riscaldano il cuore e la mente .
La tua voce è sincera, il tuo volto è odioso,
la tua pelle è carezza e come rugiada
col calore del corpo si scioglie donando
sapore all’amore che è nostro.
Ora il peso degli anni avvicina il traguardo
del percorso di vita.
Solo Dio conosce quel giorno e nell’attesa
lascia che nei sogni riveda quelle notti
di inverno abbracciati mentre sento il calore
del tuo starmi vicino.
 Giovanni Rosa 26.03.2011


A mia moglie ADELE…

Oggi ti penso e come sempre
ti accudisco con tutta la mia
forza, mentre la mano sfiora
la tua guancia non più rosea
come ai tempi quando caldi
abbracci coloravano le tue
gote e tu porgevi le tue labbra
turgide alle mie carezze.
Questo desiderio si è spento
e siamo entrati nella vera
dimensione dell’amore.
Guardarti mentre tu dormi
mi da conforto e trasporta
la mia mente nei dolci ricordi.
Stiamo ancora insieme e tutto
darò di me pur di sapere che
la mia carezza ti porti sollievo.
Quando la tristezza scaverà
la mia mente  e trapasserà
come saetta  il mio cuore mi
chiedo cosa sarà di me se tu
mi lascerai.
Vorrei volare assieme a te,
visitare i giardini incantati
sentire il profumo dei gelsomini,
sedere in riva al mare  e giocare
come bambini con la sabbia.
Sogno….., no,  realtà di un sogno
quando i tuoi  occhi aperti guardano
i miei ed entrano in contatto,
con un languido sorriso vivo la vita
che non può essere solo mia ma
nostra, carissima mia amata Adele.
 Giovanni Rosa ore 11:47 del 12/07/2011

Traduci »